domenica 28 novembre 2010

VAMPIRI ROCK AL TORINO FILM FESTIVAL: "SUCK"

Di Diego Del Pozzo

Ha riscosso un grande successo di pubblico al Torino Film Festival e si candida al ruolo di "cult movie" dell'anno: si tratta di Suck, il nuovo film del regista e sceneggiatore canadese Rob Stefaniuk, che miscela in maniera irresistibile vampire-movie e commedia rock.
La trama è piuttosto semplice: i Winners, giovane rock band canadese i cui membri farebbero di tutto pur di diventare famosi, sono in tour tra il loro Paese e gli Stati Uniti. La loro bassista, Jennifer, viene vampirizzata attraverso una siringa infetta e, contemporaneamente, la carriera del gruppo decolla. Alle loro costole, però, si mette ben presto l'ammazzavampiri Eddie Van Helsing, che proverà a impedire ai Winners di entrare nell'Olimpo delle rockstar. Il godimento dello spettatore appassionato di cinerock aumenta a dismisura grazie alle presenze nel cast di autentiche icone rock come Iggy Pop (che interpreta Victor, il proprietario degli studi di registrazione) e Alice Cooper (un barista vampiro: qui nella foto). Accanto a loro, però, compaiono pure Moby e Henry Rollins, mentre nel ruolo del cacciatore di vampiri recita un grande Malcom McDowell.
Col suo film, Stefaniuk (anche protagonista, assieme a Jessica Paré e Dave Foley) prende di mira efficacemente rockettari, giovani pronti a tutto pur di conoscere la fama, nerd, agenti discografici, coppie innamorate, gli americani sempre armati fino ai denti, ma soprattutto la tendenza dei mass media a creare mostri e a trasformarli in celebrità planetarie. Impagabile, a un certo punto, è una battuta del personaggio di Iggy Pop: "Dopo quarant'anni nel mondo del rock ho imparato due cose: usare sempre il preservativo e non fidarmi mai dei vampiri del cazzo".

sabato 27 novembre 2010

ROCK GIRLS: SKIN

Skin (Skunk Anansie)

lunedì 22 novembre 2010

NEL 2011 UN NUOVO "ROCKUMENTARY" SU HENDRIX

Di Diego Del Pozzo

Proseguiranno senza pause, anche l'anno prossimo, le uscite discografiche ufficiali dedicate a Jimi Hendrix dal marchio di famiglia guidato dalla sorellastra Janie (presidente, oltre che factotum, della sempre più lanciata Hendrix Experience).
Nel 2011, infatti, toccherà al documentario sui concerti del febbraio 1969 alla Royal Albert Hall di Londra. "Jimi era seguito - racconta Janie Hendrix - da quattro cineprese che lo filmarono nei due concerti presso la prestigiosa sala di concerti londinese, durante i suoi viaggi in treno, aereo e automobile, mentre firmava autografi, nel backstage durante la preparazione, nel suo appartamento per le jam session e con gli amici. Dunque, non ci troveremo di fronte a un attore che interpreta Jimi, ma direttamente a lui, che dimenticandosi delle telecamere che lo stanno filmando, ci darà la possibilità di scoprire i suoi lati più segreti: la dolcezza con le fidanzate e i momenti con gli amici". Il documentario potrebbe essere distribuito anche nei cinema, oltre che sulle tv pay-per-view e in dvd / blu-ray.

ARRIVA ANCHE IN ITALIA IL FILM SUL GIOVANE JOHN LENNON

Di Diego Del Pozzo

Sarà finalmente distribuito anche nei cinema italiani, a partire dal 3 dicembre grazie a 01 Distribution. Ma già giovedì si potrà vedere durante una speciale anteprima a Roma, abbinato a una mostra di memorabilia lennoniane, alla proiezione di alcuni minuti inediti degli storici concerti dei Beatles nella capitale (27 e 28 giugno 1965) e a una esibizione live della cover band capitolina The ApplePies. Sto parlando di Nowhere Boy, il film diretto da Sam Taylor Wood e dedicato all'adolescenza di John Lennon. Tratta dal libro Imagine: Growing Up with My Brother John Lennon, scritto dalla sorellastra Julia Baird, la pellicola racconta i primi approcci alla musica del compianto artista e il nascere del rapporto con un altrettanto giovane Paul McCartney.

giovedì 18 novembre 2010

martedì 16 novembre 2010

THE PROMISE DAY: ANCHE "GRAZIA" INTERVISTA IL BOSS


(Per leggere l'articolo basta cliccarci sopra)

domenica 14 novembre 2010

THE PROMISE - 2: CASTALDO RACCONTA I TACCUINI DEL BOSS


(Per leggere l'articolo basta cliccarci sopra)

giovedì 11 novembre 2010

IL ROCKUMENTARY SUI DOORS AL FESTIVAL DEI POPOLI

Di Diego Del Pozzo

Sarà l'anteprima italiana dell'atteso documentario di Tom Di Cillo su Jim Morrison e i Doors, When You're Strange, a inaugurare sabato sera a Firenze la cinquantunesima edizione del Festival dei Popoli. Del rockumentary mi ero già occupato tempo fa su questo sito.
Con l'ausilio della voce narrante dell'attore Johnny Deep, il film di Di Cillo - che sarà poi distribuito in Italia l'anno prossimo - ripercorre le tappe della vita e della carriera del leader dei Doors, grazie a filmati d'epoca più o meno rari, in molti casi girati direttamente dallo stesso Morrison, che prima di assurgere a mito assoluto del rock aveva studiato cinema all'università col sogno di diventare regista. Tra le sequenze inedite o molto rare spiccano quelle dell'arresto per atti osceni durante un celebre concerto della band californiana.

martedì 9 novembre 2010

SPRINGSTEEN RACCONTA I TEMPI DI "DARKNESS..."

(Per leggere l'articolo basta cliccarci sopra)

lunedì 8 novembre 2010

UN FILM E UN LIBRO PER RICORDARE LENNON

Dal bel sito Beatles News di Michelangelo Iossa ho appreso questa interessante notizia, che riporto integralmente:
Martedì 16 novembre 2010 alla Domus Talenti di Roma - in via delle Quattro Fontane - si terrà la presentazione, in anteprima nazionale, di Strawberry Fields: Keeping the Spirit of John Lennon Alive, il docu-film del giornalista e produttore americano Mark R. Elsis. Nel film vengono descritti i momenti più significativi della vita di John Lennon e dei Beatles: dalla nascita a Liverpool alla tragica scomparsa nella notte newyorkese dell'8 dicembre 1980.
Il film testimonia, attraverso interviste e interventi assolutamente inediti, l'affetto e l'interesse nei confronti di John Lennon; sia come uomo che come artista e comunicatore globale. Tra questi contributi, rilevante è quello di Phil Spector, uno dei più grandi produttori della storia del rock, famoso per aver realizzato il
Concert for Bangladesh di George Harrison & Friends e Let it Be, ultimo album pubblicato dai Beatles.
Il lungometraggio testimonia un'iniziativa concreta per istituire una festività nazionale in onore di John Lennon, da celebrarsi ogni 9 ottobre. La giornata romana offrirà, inoltre, l'occasione per presentare il volume
Shoot Me! di Joe Santangelo della Chinaski editore, romanzo che rappresenta il primo esempio di racconto documentale sull'omicidio Lennon: quali pensieri, emozioni e sensazioni hanno vissuto quel giorno l'omicida e la sua vittima? Il libro verrà presentato al pubblico in concomitanza con la visione del film di Elsis.

domenica 7 novembre 2010

IL NOSTRO LIBRO E' ANCHE SU FACEBOOK

Rock Around the Screen, il libro a cura di Diego Del Pozzo e Vincenzo Esposito, è anche su Facebook, registrato col profilo Cinerock Rock-Screen.
Tutti gli appassionati di cinema e musica, dunque, sono invitati a venirci a trovare e - perché no? - a "chiederci l'amicizia", per restare in contatto ed essere aggiornati sulle ultime novità...

venerdì 5 novembre 2010

mercoledì 3 novembre 2010

PROSEGUE LA LAVORAZIONE DEL FILM ROCK DI SORRENTINO


(Per leggere l'articolo basta cliccarci sopra)

martedì 2 novembre 2010

THE BOSS YESTERDAY IN ROME: GREAT!!!


Il "red carpet" più atteso del Festival di Roma 2010.

lunedì 1 novembre 2010

SALE L'ATTESA PER SPRINGSTEEN SUL "RED CARPET" ROMANO

Sale l'attesa per Bruce Springsteen. Il Boss questa sera, al Festival di Roma, si materializzerà intorno alle 20.30-20.45 sul red carpet dell'Auditorium per partecipare alla proiezione del documentario The Promise: The Making of Darkness on the Edge of Town di Thom Zimny, che racconta la nascita dell'album cult del 1976.
Red carpet silenzioso, senza interviste né tantomeno improvvisazioni musicali come molti speravano: il passaggio a Roma di Springsteen, supportato da Sony Music che farà uscire in cofanetto il film il 16 novembre, è eccezionale ma fine alla partecipazione in sala come ospite d'onore. Intanto all'Auditorium è panico: misure rinforzate per la sicurezza e delirio di richieste da ogni dove per avere i biglietti con ogni genere di tentativi di raccomandazione.
Dalla sala Petrassi, prevista inizialmente, si è passati alla sala Sinopoli, da 1.200 posti, ma anche per quella è sold out. Non resta che aspettare di vederlo sfilare.
Fonte: Ansa.